NOTIZIA

Allarme zanzare per i vacanzieri britannici mentre le infezioni importate tornano ai livelli pre-pandemia

L’Agenzia britannica per la sicurezza sanitaria ha messo in guardia i vacanzieri britannici sui pericoli delle malattie trasmesse dalle zanzare, poiché nuovi dati mostrano che i casi importati di malattie tra cui malaria, dengue e zika sono tornati ai livelli pre-pandemia.

Il turismo internazionale è stato duramente colpito dalla pandemia ma ora, due anni dopo la revoca di tutte le restrizioni ai viaggi nel Regno Unito, il settore è di nuovo in forte espansione.

L’aumento dei viaggi globali ha a sua volta reso i turisti britannici vulnerabili a gravi infezioni trasmesse dalle zanzare, come la dengue e la malaria, che in genere vengono rilevate solo nei climi tropicali, ha avvertito l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito.

Gli ultimi dati dell’UKHSA mostrano che sono stati 634 i casi di dengue segnalati dai viaggiatori che sono tornati nel Regno Unito nel 2023, un numero allarmante vicino ai 790 casi segnalati nel 2019, durante il periodo pre-pandemia.

Il dottor Philip Veal, consulente in sanità pubblica presso l’UKHSA, ha avvertito i vacanzieri britannici che viaggiano all’estero di essere consapevoli del rischio e di evitare i morsi. “Anche se hai già visitato o vissuto in un Paese, non avrai la stessa protezione contro le infezioni della popolazione locale e sarai comunque a rischio”, ha affermato.

Nell’ultimo anno la dengue, o “febbre che spezza le ossa”, si è diffusa in gran parte dei tropici. Il Sud e il Sud-Est asiatico, in particolare l’India, sono stati duramente colpiti e si sono verificati gravi focolai in tutta l’America centrale e nei Caraibi.

Si ritiene che il cambiamento climatico, insieme alla crescente urbanizzazione, stia favorendo il boom del Aedes Albopictus, o la “zanzara tigre asiatica”, l’insetto responsabile della diffusione della malattia.

Le principali epidemie di dengue si verificano generalmente ciclicamente, ogni tre-cinque anni. Ma l’OMS ha segnalato un aumento significativo dell’incidenza globale della dengue nel 2023, con oltre cinque milioni di casi e 5.000 decessi segnalati in tutto il mondo.

Sebbene il tasso di mortalità per la dengue sia generalmente basso, circa 500.000 persone vengono ricoverate in ospedale ogni anno, e molte altre manifestano sintomi tra cui affaticamento e confusione mentale che possono durare per settimane.

Allo stesso modo, il Rapporto annuale mondiale sulla malaria per il 2023 dell’OMS avverte che gli sforzi per eliminare la malaria sono a un “punto critico”, con il cambiamento climatico che estende la durata delle stagioni della malaria e influenza la tempistica precisa degli interventi stagionali.

'Pianificare in anticipo'

Il clima è anche legato alla diffusione dell’Anopheles stephensi, la “super zanzara” portatrice della malaria famosa per sopravvivere alle alte temperature nelle stagioni secche, quando la trasmissione della malaria in genere diminuisce.

Il numero di casi confermati di malaria nel Regno Unito, dal periodo gennaio a ottobre 2023, è stato pari a 1.637.

Otto casi di Zika sono stati segnalati in Inghilterra nel 2023, un livello simile al 2022 ma molto al di sotto del picco del 2016, quando i casi raggiunsero 725 durante una grande epidemia nelle Americhe.

Sebbene i casi di Zika siano bassi, la malattia è particolarmente dannosa per le donne incinte poiché è stata collegata a difetti alla nascita.

Il dottor Dipti Patel, direttore della rete e del centro sanitario nazionale in viaggio, ha esortato le persone a “pianificare in anticipo” e a parlare con il proprio medico di famiglia sei settimane prima del viaggio per assicurarsi che abbiano tutte le vaccinazioni, i repellenti e i farmaci necessari.

Gli ultimi consigli sui viaggi all’estero, comprese le indicazioni su malattie e avvertenze sulla sicurezza, per ogni paese del mondo possono essere controllati sul sito web del governo.

Il servizio sanitario nazionale dice ai vacanzieri di controllare la malaria prima del viaggio e dice che potrebbero esserti prescritte compresse antimalariche preventive, che dovresti iniziare a prendere qualche giorno prima della partenza.

Nel Regno Unito non esiste un vaccino per prevenire il virus Zika, ma è possibile ridurre il rischio di contrarre il virus evitando le punture di zanzara.

Il servizio sanitario nazionale consiglia di indossare abiti larghi e pantaloni a maniche lunghe per coprirsi la sera e la mattina quando gli insetti sono più attivi.

Inoltre, prendi un prodotto di buona qualità, basato su Deet,repellente per insetti, e dormire sotto una zanzariera trattata con insetticida.

Ora nel Regno Unito è disponibile un vaccino chiamato QDenga per prevenire la dengue. Il corso consiste in due dosi somministrate a tre mesi di distanza e protegge da tutti e quattro i ceppi del virus.

Ma il vaccino è riservato solo a soggetti di età superiore ai quattro anni che hanno avuto in passato un’infezione da dengue confermata e che intendono recarsi in aree a rischio.
Per ulteriori prodotti repellenti per zanzare naturali, visitare https://www.winwinzj.com/


Orario di pubblicazione: 26/03/2024 15:13:58
  • Precedente:
  • Prossimo:
  •  Privacy settings
    Manage Cookie Consent
    To provide the best experiences, we use technologies like cookies to store and/or access device information. Consenting to these technologies will allow us to process data such as browsing behavior or unique IDs on this site. Not consenting or withdrawing consent, may adversely affect certain features and functions.
    ✔ Accepted
    ✔ Accept
    Reject and close
    X